Daniele Capuozzo

NEWS  VINCITORE DEL PREMIO NUX - FIERA INTERNAZIONALE DEL LIBRO DI MILANO

HOME

Un Ragazzo che non c'è

Presentazione Napoli

Presentazione Casoria

Ritratto di una sconosciuta

Poesie

Fotografie

Dolce al soffio

Convegno con bambini della "Carducci"

Articoli

Recensione Alessandro D'angelo

Recensione  Alessia Mocci

Premio internazionale Nux Giovani talenti

 

 

Link Amici

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Copertina

Retro

 

 

 

         Prefazione a cura di Jacqueline Miu

 

Il desiderio è la chiave fondamentale di questo libro. Anche un sogno ha bisogno di desiderio per esprimersi e come in un sogno, lo scrittore realizza i primi passi che lo portano a cercare il suo ideale.

L'amore è importante per Daniele. Le sue composizioni approdano a una magica realtà. Io vorrei leggere un romanzo di questo giovane scrittore, per capire se la sua capacità di emozionare, sia in grado di raggiungere l'attenzione del lettore con altrettanta facilità.

Credo che il poeta stia ancora crescendo nell'utilizzo delle metafore ma ha già esperienza con versi degni di grandi pensatori.

Ti amo,
te l’ho ripetuto,
ma tu hai ammazzato l’animo di un poeta.

La semplicità di una gioia reale regala momenti di delizia spirituale, questo è il senso del poema che in Daniele ha il karma di una musa spesso perfetta.

Sulla scia del contatto con questa sua Musa, Daniele prova a cristallizzare dei momenti d'oro che non soffocano la lettura e non cadono nella banalità. Questo è un libro d'amore e non è per chi non cerca un approdo al sommo sentimento. Per gustarlo bisogna fermarsi in qualunque stazione del tempo, in qualunque attimo della giornata in cui ci sentiamo al sicuro e disposti a ricevere emozioni.

Per vivere la poesia, bisognerebbe saper accettare e condividere versi come questi:
 

Donna vera,
passione ardente
nella mia vita
di stenti d’amore.

 

Bravo Daniele e grazie.