Daniele Capuozzo

  NEWS  VINCITORE DEL PREMIO NUX - FIERA INTERNAZIONALE DEL LIBRO DI MILANO

HOME

Un Ragazzo che non c'è

Presentazione Napoli

Presentazione Casoria

Ritratto di una sconosciuta

Poesie

Fotografie

Dolce al soffio

Convegno con bambini della "Carducci"

Articoli

Recensione Alessandro D'angelo

Recensione  Alessia Mocci

Premio internazionale Nux Giovani talenti

 

Link Amici

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Attraverso la lettura e un'attenta riflessione delle poesie di Daniele Capuozzo, emerge come questi adoperi una forte capacità sintetica che gli permette di esprimere i suoi sentimenti con poche parole. Allo stesso tempo, dai suoi scritti si evidenzia come le sillogi, pur presentandosi brevi, sono molto significative. Il suo poetare mira diritto al cuore del lettore usando uno stile sobrio ed equilibrato. Ciò che si esalta in tutte le rime è l'amore e il modo di esprimerlo in vari modi: ora apparentemente nascosti, ora molto palesi come nella poesia "Valentina": " Ti sento vicina,//in quell’oceano di affetto//che mi appartiene.//Ti appartiene.// . L'amore è presente anche, seppur in maniera superlativa nella poesia "Nonna": "//Tu ci sei nel profondo del mio cuore//tappezzato dell’amore che mi dai.//". In questa silloge il poeta è certo dell'amore che la nonna esprime con garbo e fedeltà nei suoi confronti.

La poesia Susy è dedicata alla zia, uno scritto atipico dove l'autore riesce a creare una poesia nella silloge. In altre parole, le rime di questa lirica trascinano, attraverso l'amore e il profondo sentimento verso realtà, ora molto lontane, ora vicine, ora lontanissime come le stelle. E' visibile un sottile rapporto armonico fra micro e macrocosmo che interferendo fra loro riescono a dare vita a rime che evidenziano come l'artista sia riuscito a mettere in luce con pochi versi quell'amore Celeste che ritroviamo nella Divina Commedia al XXXIII Canto del Paradiso, verso 147 dove così recita il Sommo Dante Alighieri"amor che move il sole e l'altre stelle".
Nella poesia "Barca" il poeta ci fa sognare come quella "barca sull'onda burrascosa//di quel mare nero//" non è sempre nel buio di una profonda notte//di mare agitato..." L'imbarcazione un giorno potrà essere ora sulla riva, ora fra le dune, altre volte fra i cespugli… esprimendo le proprie fatiche, le proprie ansie tesa a mostrare il suo essere. Tu, "Stanca barca" dalla fredda sabbia ritornai a navigare per ritrovare te stessa. Barca, come scrive il poeta: "sull'onda burrascosa//di quel mare nero//.
Le letture delle poesie di Daniele Capuozzo ci ricordano quanto scriveva il celeberrimo filosofo e poeta americano Ralph Waldo Emerson quando scrisse: "Solo la poesia ispira la poesia"".

 

Alessandro D'Angelo
 

 

 

Un grandissimo ringraziamento al sig. Alessandro d'Angelo per la sua grande disponibilità .