Daniele Capuozzo

NEWS  VINCITORE DEL PREMIO NUX - FIERA INTERNAZIONALE DEL LIBRO DI MILANO  

HOME

Un Ragazzo che non c'è

Presentazione Napoli

Presentazione Casoria

Presentazione Gaeta

Ritratto di una sconosciuta

Presentazione Casoria

Presentazione Sant'Anastasia

Poesie

Fotografie

Dolce al soffio

Convegno con bambini della "Carducci"

Confronto fra poeti

Articoli

Recensione Alessandro D'angelo

Recensione  Alessia Mocci

Premio internazionale Nux Giovani talenti

 

<![if !vml]><![endif]>

 

Link Amici

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Salve! Mi chiamo Daniele Capuozzo, classe 1995, specializzando in marketing presso Sapienza, Università di Roma, sono un napoletano trapiantato nella Capitale. Sono un inguaribile romantico appassionato di tutto ciò che è antico, anticaglie di ogni genere e tipo. Amo la fotografia ed uso ancora macchine fotografiche a pellicola interamente meccaniche, stile peso 10T.  Scrivo poesie ed adoro la musica. Amo De Andrè e tutto il periodo musicale intorno al '68. Il mio poeta preferito è Pablo Neruda, la sua poesia che amo di più è:

 

Non t'amo come se fossi rosa di sale, topazio
o freccia di garofani che propagano il fuoco:
t'amo come si amano certe cose oscure,
segretamente, tra l'ombra e l'anima.

T'amo come la pianta che non fiorisce e reca
dentro di sé, nascosta, la luce di quei fiori;
grazie al tuo amore vive oscuro nel mio corpo
il concentrato aroma che ascese dalla terra.

T'amo senza sapere come, né quando, né da dove,
t'amo direttamente senza problemi né orgoglio:
così ti amo perché non so amare altrimenti

che così, in questo modo in cui non sono e non sei,
così vicino che la tua mano sul mio petto è mia,
così vicino che si chiudono i tuoi occhi col mio sonno.

                                                                                                                          (Pablo Neruda, Cento Sonetti D'amore, XVII sonetto)